Africa Oggi campi di lavoro in Africa e America Latina » Chiara Castellani

UNA LAMPADINA PER KIMBAU di Chiara Castellani

Inserito in Proposte di lettura | venerdì 9 febbraio 2007 | |

UNA LAMPADINA PER KIMBAU
di Chiara Castellani
ed. Mondadori

Abstract: A ventisei anni, una specializzazione in ginecologia e ostetricia, Chiara parte per il Nicaragua. Con l’entusiasmo dei primi passi si dedica a far nascere “niños morenos con tanti capelli che, quando escono fuori, gridano l’inizio della loro grande avventura, in questa terra strana, audace. Dove anche sopravvivere è una folle scommessa. A Waslala, fra montagne del Nicaragua, diventa per necessità chirurgo di guerra sul fronte dei sanguinosi scontri fra sandinisti e contras.

Per sette anni “Doctora Clarita” si batte per la pace e per la ricostruzione del paese con dedizione totale e senza arrendersi. Terminata la missione in America Latina, parte per l’Africa, il continente sognato sin da bambina. L’AIFO, Associazione Italiana “Amici di Raoul Follereau”, le affida la direzione di un ospedale fantasma, abbandonato dai belgi a Kimbau, regione del Bandundu, nello Zaire, oggi Repubblica Democratica del Congo.

È la scoperta di un’Africa bellissima e terribile, affascinante e sconvolgente nelle sue contraddizioni e nelle ferite che non si rimarginano mai. Unico medico per centomila abitanti in una zona di 5.000 chilometri quadrati, anche dopo la mutilazione del braccio destro, continua a lottare, per salvare vite umane e promuovere il diritto alla salute.

Nei villaggi dimenticati della foresta e nell’ospedale con quattrocento ammalati, senza acqua, senza energia elettrica, con scarsi medicinali, è per tutti “Mama Clara”. Quando scoppia la guerra fra Mobuto e Kabila le condizioni già difficili del paese diventano drammatiche. Nelle lettere che scrive al lume di candela sulla vecchia Olivetti, lei grida i massacri, le violenze e le crudeltà, il martirio di migliaia di persone, l’epidemia di Ebola, il diffondersi della Tbc e dell’Aids.

Sono il corollario inevitabile della povertà e dell’ingiustizia, delle sopraffazioni e delle violenze del più forte, delle complicità e delle responsabilità dei governi che sfruttano gli scontri etnici per i propri interessi economici e di potere. Ma Chiara non si arrende: non vuole togliere ai poveri la possibilità di sognare un futuro diverso.