Africa Oggi campi di lavoro in Africa e America Latina » il viaggio non è finito: progetti post-campo

Università per Stephanie: i “nairosuper” si attivano

Inserito in il viaggio non è finito: progetti post-campo | martedì 3 giugno 2008 | |

Andrea, Chiara, Lorenzo, Luigi, Marika, Nicola e Simone: questi i ragazzi che, nell’agosto 2007, hanno svolto un campo di lavoro a Nairobi, presso la missione don Bosco Boys Town di padre George Padinjareparambil.

Padre George, che ha sempre a cuore l’istruzione dei ragazzi, ha proposto loro di assumersi l’impegno di trovare i fondi per finanziare una borsa di studio universitario di una ragazza molto volenterosa, che lui conosce, in Farmacia. I ragazzi, che durante il campo hanno avuto opportunità di conoscere le molteplici sfaccettatura della vita di Nairobi e dei ragazzi che frequentano Boys Town, hanno accettato con entusiasmo l’impegno.

Ribattezzati scherzosamente “Nairosuperbelli”, si stanno attivando per raggiungere la cifra necessaria al completamento delle tasse universitarie di Stephanie.

Dal campo di lavoro ad una Associazione: nasce Mwendo

Inserito in il viaggio non è finito: progetti post-campo | venerdì 18 aprile 2008 | |

Agosto 2004: sotto l’ala di AFRICA OGGI svolgiamo un campo di volontariato a WASA, un piccolo villaggio della Tanzania, nel distretto di IRINGA.

Marzo 2008: l’associazione MWENDO CAMMINO INSIEME è operativa nel finanziare piccoli progetti di sviluppo nel villaggio di WASA.
Da un campo di volontariato nasce un piccolo ente benefico che si rivolge alle persone conosciute in quel campo.
E non poteva non essere così! Perchè?
I fondatori di questa associazione sono da sempre interessati ai temi della cooperazione internazionale allo sviluppo. Parolone grosso che è stato adattato a una piccola realtà NO PROFIT che fa il suo. E come ci riesce? “Fare il suo” vuol dire che MWENDO si rivolge a un contesto che i suoi fondatori hanno conosciuto di persona. E con il quale sono sempre rimasti in contatto. Il parolone, ovvero la cooperazione internazionale allo sviluppo, si è concretizzato nell’aiutare una missione cattolica conosciuta realmente. E il missionario di laggiù, padre Francesco, ha sempre appoggiato e visto favorevolmente tutto questo. Mica uno qualunque, padre Francesco! Pianifica e vede molto lontano.
Ci sono tanti enti nel mondo che aiutano le realtà meno fortunate e sostengono progetti in zone diverse. Alcuni lavorano bene, altri un po’ meno. MWENDO conosce WASA e non poteva che rivolgersi a questo villaggio. Se tutto gira liscio, da WASA si potrà iniziare ad operare nelle altre missioni vicine della diocesi di IRINGA, espandendo il raggio d’azione dell’associazione.
Tra qualche tempo e con alle spalle diverse cose realizzate potremo dire con emozione che tutto nacque da un campo di volontariato a WASA.
Stefano F.

Formiamo le parole del silenzio

Inserito in il viaggio non è finito: progetti post-campo | mercoledì 18 aprile 2007 | |

Andrea, Chiara, Lucia, Marco, Sheila e Valerio, i ragazzi del campo di Maracas, Brasile 2004, al ritorno dalla loro esperienza hanno deciso di sostenereun progetto di una borsa di studio per una ragazza di Maracas.

Il progetto, finanziato da diverse attività di raccolta fondi post-campo, ha visto il suo compimento nel 2007: la studentessa si è laureata e ora può agire concretamente nella sua comunità.

Nel pdf riassuntivo tutti i dettagli.